Home / News / Comunicati Stampa / “Superluna blu”: un’eclissi lunare totale molto speciale il 31 gennaio 2018. La prima dopo 152 anni.

“Superluna blu”: un’eclissi lunare totale molto speciale il 31 gennaio 2018. La prima dopo 152 anni.

La prima eclissi del 2018 sarà lunare e si verificherà l’ultimo giorno di gennaio.
Quello che ci attende è un evento molto speciale perché ad essere eclissata sarà la seconda luna piena di gennaio, chiamata tradizionalmente Luna blu.
Inoltre, il nostro satellite si troverà al perigeo, ossia passerà molto vicino alla Terra, apparendo ai nostri occhi più grande e brillante del solito.
Questo fenomeno viene chiamato Superluna. Quello che ci attende sarà quindi un evento molto speciale, che non accadeva da moltissimi anni.

L’eclissi sarà osservabile (già iniziata al sorgere della Luna) in Asia centro-orientale, in Indonesia, Nuova Zelanda, e gran parte dell’Australia. Alaska, Hawaii e Canada nordoccidentale potranno ammirare l’evento dall’inizio alla fine, nella sua interezza. Nord e Centro America potranno osservare l’eclissi fino al tramonto del satellite.

Brutte notizie invece per l’Italia e per gran parte dei Paesi europei, dove il fenomeno non sarà visibile poiché nell’orario in cui esso è previsto non sarà ancora notte.

La fase di totalità durerà ben 77 minuti: la Luna attraverserà l’ombra della parte inferiore della Terra, e di conseguenza, durante la totalità, la parte inferiore della Luna apparirà molto più luminosa di quella superiore.

Dopo il 2018, la prossima volta che una “Luna Blu” passerà attraverso l’ombra proiettata dalla Terra sarà il 31 dicembre 2028 e successivamente il 31 gennaio 2037 (entrambe eclissi totali).

Perché la Luna si tingerà di rosso?

Il nostro satellite non solo sarà in fase di plenilunio e alla minima distanza dalla Terra (cosa che le riconosce il titolo di “Superluna“) ma verrà a trovarsi nel cono d’ombra creato dalla Terra, che si frappone tra il satellite e il Sole: questo allineamento Sole-Terra-Luna dà vita a un’eclissi lunare totale.

Spesso si sente parlare di “Luna rossa“, “Luna di Sangue” (“Blood Moon“) e ciò è dovuto al fatto che il satellite assume una particolare colorazione quando attraversa l’ombra proiettata dal nostro pianeta: ma perché diventa rossa e non viene semplicemente oscurata? Ce lo spiega la NASA: il fenomeno avviene perché l’atmosfera della Terra si estende oltre il pianeta e la luce solare la attraversa, raggiungendo la Luna, e “durante un’eclissi lunare totale, la luce solare che colpisce l’atmosfera viene assorbita e poi irradiata verso l’esterno. La luce blu è la più colpita. Ciò significa che l’atmosfera filtra la maggior parte della luce blu. Quel che rimane e la luce arancione e rossa.”

La luce che attraversa l’atmosfera in seguito raggiunge la Luna e viene riflessa poi verso la Terra. La colorazione può variare dal rosso, all’arancione al dorato: tutto dipende dalla presenza e variazione di acqua e particelle presenti nell’atmosfera, come anche dalla temperatura e umidità di questa.

Check Also

robot-cucina-bimby

Il Bimby e gli altissimi costi per riparazioni e ricambi: la denuncia dei consumatori

Secondo una rivista di consumatori francese, molti consumatori lamentano i costi esorbitanti di riparazioni e ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

× Cerchi aiuto?

È possibile inviare un messaggio