Home / News / IN COMMERCIO AGLIO COLTIVATO IN CINA: Accertiamoci sempre della sua origine

IN COMMERCIO AGLIO COLTIVATO IN CINA: Accertiamoci sempre della sua origine

Tutti sappiamo gli innumerevoli benefici dell’aglio. Ma per ottenere i suoi effetti benefici deve essere di ottima qualità.

Questo alimento, insieme a fragole, aglio, zenzero e peperoncino, viene spesso coltivato in zone inquinate e usando pesticidi tossici.

Cerchiamo di stare molto attenti al supermercato poichè trovare aglio italiano non è facile: è probabile che provenga da Spagna, Messico o, per l’appunto, dalla Cina.
Il suolo cinese contiene metalli pesanti, per esempio, l’arsenico e cadmio, e quantità enormi di pesticidi. Per finire, i corsi d’acqua in Cina contengono rifiuti industriali.

Nel 2009 il governo cinese ha anche provato ad arrestare il fenomeno approvando una nuova legge sulla sicurezza alimentare e istituendo una commissione ad hoc per denunciare attività attività irregolari nel settore agroalimentare.

Ma, a quanto pare non c’è stato niente da fare, e le irregolarità dilagano nel paese del dragone: la Cina, osserva Coldiretti, “nel 2015 ha conquistato il primato nel numero di notifiche per prodotti alimentari irregolari perché contaminati dalla presenza di micotossine, additivi e coloranti al di fuori dalle norme di legge, da parte dell’Unione Europea, secondo una elaborazione della Coldiretti sulla base della Relazione sul sistema di allerta per gli alimenti“.

Come riconoscere l’aglio cinese
– L’aglio cinese non ha gambo o radice poiché è tagliato per risparmiare il peso nelle trasporto. Quindi quando acquistate l’aglio verificate che abbia un fusto o una radice.
– L’aglio cinese è più leggero.
– Secondo le stime il sapore dell’aglio cinese ha un gusto poco intenso
– L’aglio più sicuro è quello acquistato da un agricoltore di fiducia

Infine, se tenuto lontano dalla luce, l’aglio nostrano germoglia, quello cinese no, e questo significa che è un vegetale non vivo, probabilmente trattato con prodotti chimici e forse anche tossico.
E se vi rendete conto che l’aglio non germoglia, buttatelo via ne va della vostra salute.

Check Also

recup lazio

nuovo numero del Recup

REGIONE LAZIO: dal 1° novembre sarà attivo il nuovo numero del Recup per prenotare le ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

× Cerchi aiuto?

È possibile inviare un messaggio